In Autumn 2020, DOAJ will be relaunching with a new website with updated functionality, improved search, and a simplified application form. More information is available on our blog. Our API is also changing.

Hide this message

«It was as Russian that I wrote my first novel». Wyndham Lewis e Dostoevskij

Between. 2011;1(2) DOI 10.13125/2039-6597/280

 

Journal Homepage

Journal Title: Between

ISSN: 2039-6597 (Online)

Publisher: Università degli Studi di Cagliari

Society/Institution: Compalit Associazone italiana di di Teoria e Storia Comparata della Letteratura

LCC Subject Category: Geography. Anthropology. Recreation | Language and Literature: Philology. Linguistics: Language. Linguistic theory. Comparative grammar: Translating and interpreting

Country of publisher: Italy

Language of fulltext: English, Italian, French

Full-text formats available: PDF

 

AUTHORS


Flora de Giovanni (Università di Salerno)

EDITORIAL INFORMATION

Double blind peer review

Editorial Board

Instructions for authors

Time From Submission to Publication: 20 weeks

 

Abstract | Full Text

Scopo del contributo è mettere in evidenza l’influenza esercitata dalla scrittura di Dostoevskij su Tarr (1918), il primo romanzo di Wyndham Lewis. Sebbene negli anni del cosiddetto “culto di Dostoevskij”, che investe l’Inghilterra nella seconda decade del ‘900, lo scrittore russo sia apprezzato tanto per lo spessore morale della sua opera quanto per l’approfondimento psicologico dei personaggi, pure il mondo letterario britannico è concorde nell’imputargli quella sciatteria formale che spingerà Henry James a definire i suoi romanzi “fluid puddings”. Lewis sembra invece essere il solo a riconoscere l’originalità della sua struttura narrativa complessa ed eterogenea – che successivamente Bachtin definirà polifonica, per l’intreccio di voci “indipendenti e disgiunte” su cui si fonda – e a prenderla a modello. Parzialmente ispirato a I demoni, Tarr  rivela dunque il suo debito nella caratterizzazione del personaggio (Kreisler e Stavrogin hanno non poche somiglianze, come ammette lo stesso autore) ma soprattutto nella organizzazione dell’intreccio, che sembra procedere per scene tumultuose animate da un forte dinamismo psicologico, in cui il confronto tra le varie figure, grazie alla deflagrazione di stati interiori estremi e lungamente compressi, assume forme violente ed eclatanti.