La forma dell'acqua: riflessioni su come le leggi 285/1997 e 328/2000 cambiano, o dovrebbero cambiare, le politiche sociali in Italia

[email protected]@. 2005;03(02)

 

Journal Homepage

Journal Title: [email protected]@

ISSN: 1721-9809 (Print); 1721-9809 (Online)

Publisher: Osservatorio Processi Comunicativi

Society/Institution: Osservatorio Processi Comunicativi

LCC Subject Category: Social Sciences

Country of publisher: Italy

Language of fulltext: Spanish; Castilian, Italian, French

Full-text formats available: HTML

 

AUTHORS

Francesco Di Mauro

EDITORIAL INFORMATION

Peer review

Editorial Board

Instructions for authors

Time From Submission to Publication: 12 weeks

 

Abstract | Full Text

Per tornare al titolo, qual è la forma dell'acqua? E' corretto parlare di forme in presenza di una sostanza fluida come l'acqua? Qual è la pertinenza con le politiche sociali? Per le quali invece sembrerebbe più opportuno affiancare il concetto di magma indistinto che i redattori della rivista che ospita quest'intervento ben hanno espresso nel tempo. Naturalmente la forma dell'acqua è determinata dal contenitore che la ospita e nel caso delle politiche sociali, questo contenitore potrebbe essere realizzato dai principi fondanti dei due strumenti legislativi citati nel titolo: L.285/97 'Disposizioni per la promozione di diritti ed opportunità per l'infanzia e l'adolescenza' e la L.328/00 'Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato d'interventi e servizi sociali'.